Articoli Email Marketing

Email marketing a fini pubblicitari

Invii di campagna a fini pubblicitari

email-marketing-a-fini-pubblicitari

Come ribadito già diverse volte all’interno dei nostri articoli, l’email marketing, è oggi il mezzo più potente nelle mani degli inserzionisti che vogliono improntare le loro campagne email verso il successo. La mail rispecchia infatti tutte le caratteristiche del tradizionale Direct Marketing cartaceo di qualche tempo fa con l’aggiunta di diversi vantaggi, non indifferenti, che andremo adesso ad elencare.

A differenza dei tradizionali metodi pubblicitari, l'[intlink id=”36″ type=”post”]l’invio di campagne pubblicitarie sul web[/intlink] risulta essere più performante sia sul piano economico, che su quello degli obbiettivi raggiunti. Promuovere la propria attività attraverso questi invii, significa infatti, raggiungere una larga cerchia di utenti, in tempi relativamente brevi;misurabilità e tracciabilità dell’andamento della campagna in tempo reale; e soprattutto possibilità di modificare il proprio messaggio,qualora quest’ultimo non risultasse abbastanza performante,attirando di conseguenza l’attenzione di un numero ristretto di utenti.
Per rendere impeccabile l’invio delle campagne, e permettervi di sfruttare al meglio questo potente strumento, stileremo ora un elenco-guida che siamo soliti seguire prima di effettuare un qualsiasi invio:
– il punto di partenza è senza dubbio la lista su cui inviareQuesto fattore è estremamente importante per l’impeccabilità dei nostri invii. Sarebbe opportuno pertanto affidarsi sempre a dei professionisti, non facendosi abbindolare da chi offre liste a prezzi stracciati, ma dai contatti non funzionanti e/o obsoleti. Lo step successivo da seguire è quello di fare dei test di prova prima dell’invio effettivo, e valutarne i risultati, come per esempio il tasso di apertura delle mail, le eventuali registrazioni da essi generati e così via.

– Il secondo passo da effettuare è quello di fare una sorta di “cernita” degli utenti che abbiamo a nostra disposizione, andando ad inviare i nostri messaggi solo a quegli utenti che per caratteristiche, potrebbero divenire nostri potenziali clienti. Quindi definire con precisione il target su cui insistere. Attenzione però a non richiedere eccessive informazioni sugli utenti, infatti un [intlink id=”347″ type=”post”]target esagerato[/intlink] ed estremamente dettagliato potrebbe far salire in maniera esagerata il costo dell’invio della campagna email marketing.

– Stabilito il messaggio, ed il destinatario a cui inviare il terzo punto da valutare è adesso quando programmare l’invio della campagna. Diversi test hanno infatti dimostrato quanto influisce sull’esito di una campagna, il giorno, ed in alcuni casi anche l’ora, in cui la nostra campagna è stata lanciata. Per alcuni tipi di messaggi per esempio il momento più performante potrebbe risultare essere il lunedì mattina, o più in generale l’inizio settimana, in seconda analisi però anche un determinato invio a fine settimana, in coincidenza col week-end potrebbe risultare impeccabile, se si tratta di un invio il cui argomento è un’offerta last-minute relativa ad un soggiorno nel fine settimana.

– E’ ora tempo di dedicarsi al messaggio vero e proprio. Essendo il nostro obbiettivo finale, quello di generare una call-to-action da parte del dell’utente, prima di predisporre un invio dobbiamo necessariamente armarci di tutti i mezzi a nostra disposizione per rendere in messaggio il più interessante possibile, come studiare creatività DEM che includano al proprio interno driver promozionali come: ultimi giorni, o straordinari sconti di fine mese, stagione e così via.

– In ultima analisi, ma non meno importante, è poi il [intlink id=”296″ type=”post”]subject o oggetto[/intlink] della nostra mail. L’oggetto di un messaggio è molto importante in quanto è la parola o la frase principale che l’utente visualizza al momento della lettura della mail, motivo per il quale non possiamo rischiare di sbagliare l’oggetto e non attirare l’attenzione degli utenti. Per evitare di incappare in tale errore noi siamo soliti effettuare anche in questo caso dei test su una cerchia ristretta di utenti, con diverse varianti di messaggi in maniera da poter valutare con chiarezza, alla fine del test, quale tra i messaggi inviati ha avuto maggiore successo.

Detto ciò non vi rimane che affidarvi a dei professionisti per iniziare a far conoscere la vostra azienda a quanti più utenti possibili, coscienti delle potenzialità a vostra disposizione. Infatti l’email marketing, come precisato in precedenza, è un grande e potente mezzo di comunicazione, secondo solo forse ai motori di ricerca. In quel caso infatti, basterà trovarsi al punto giusto, nel momento giusto. Saranno infatti gli utenti a cercare noi, e non il processo inverso (a tal proposito visita il nostro sito: posizionamento siti web) ; ed in più non saranno necessari frasi o messaggi ad effetto per attirare l’attenzione degli utenti, in quanto questi ultimi sono già degli utenti interessati a ciò che hanno ricercato, e di conseguenza dei “maggiori potenziali clienti”.

In conclusione, se volete incrementare i vostri guadagni e far crescere la vostra azienda i passi da fare sono due: invio di efficaci campagne e posizionamento del vostro sito web sui principali motori di ricerca.